Contattaci

+39.055.292786
+39.334.6863385
+39.334.6863386
reservation@gecohotels.com

Centro prenotazioni

Seguici su

gioco di paole tra CHANGE e CHANCE

La strategia dei Tour Operator: adattamento e innovazione

Il futuro prossimo è ancora dominato da moltissimi interrogativi e incertezze. 

Tutti gli operatori del settore, dagli hotel ai tour operator e alle OTA, concordano però sullo stesso punto: adattarsi al cambiamento e rinnovare la propria offerta saranno i passi fondamentali per la ripresa.

Nadia Falchi, Market Specialist Italy di ETOA, nel webinar organizzato con TTG Italia Media Partner, spiega: 

“L’Italia è una delle destinazioni di viaggio preferite dai mercati di lungo raggio ed europei, ma serve una risposta coordinata a livello UE su aperture dei confini e requisiti per viaggiare”.

Nuove esperienze di viaggio

Tra gli operatori si riscontra la volontà di modificare la propria offerta nel breve periodo in funzione della diversa domanda che il mercato sta registrando.

Sul fronte dei tour operator, Marco Misischia, CEO di Ag Group, riassume:

“Stiamo riformulando i tour nelle città d’arte come esperienze il più possibile all’aria aperta e stiamo spingendo destinazioni meno note ma che rispondono ai nuovi criteri post Covid”.

Secondo Saverio Castilletti, CEO di ItalyXP:

“Bisogna essere meno rigidi e più digitali, sapendo che sul lungo raggio Cina e Pacifico saranno i primi a ripartire”.

Monica Accetto, Product Manager di Master Group Tour Operator, conferma la tendenza:

“Abbiamo creato un nuovo catalogo con 66 nuove proposte di viaggio fruibili da diverse categorie di clienti, individuali o gruppo e tutti personalizzabili”.

Tendenze

Molto probabilmente, secondo quanto indicano le statistiche, l’estate 2021 sarà simile a quella dell’anno scorso, con una tendenza verso i resort in località balneari e all’insegna del turismo rurale di prossimità.

Secondo Jenny Southan, fondatrice dell’istituto di ricerca britannico Globetrender, in termini di tendenze future, ad esempio nell’architettura alberghiera, saranno vincenti le strutture più piccole.

Diventa quindi fondamentale reinventare la propria offerta e adattare la struttura alle necessità del mercato.

MICE & Business Travel

Il settore del MICE sarà – con ogni probabilità – l’ultimo a ripartire. 

Per questo motivo, ad esempio, strutture a forte vocazione MICE si stanno reinventando, cercando di vendere le stanze per piccoli meeting e riunioni.

Molte grandi realtà si stanno organizzando per la nuova soluzione di meeting ibridi

Questo nuovo concetto permetterà agli ospiti di tutto il mondo di adattarsi alle nuove modalità di lavoro e di incontro che – molto probabilmente – rappresenteranno un’eredità duratura della pandemia. Questa nuova offerta consentirà ai clienti aziendali e agli organizzatori congressuali di unire riunioni d’albergo con interazioni virtuali in più luoghi contemporaneamente. Le riunioni si svolgerebbero su piattaforme online di condivisione, dove i partecipanti possono connettersi e interagire virtualmente. In questo modo i partecipanti potranno presentare contenuti e vedere i partecipanti virtuali come se fossero nella stessa stanza. 

Viaggi di Lusso

I viaggi di lusso potrebbero ripartire con più facilità. 

Luca Poddi, general manager di Abercrombie & Kent Italy & Croatia, assicura:

“I trend indicano ville in affitto e boutique hotel a uso esclusivo, aperture private ed esperienze esclusive ma anche sostenibilità, attività all’aperto e nuove destinazioni emergenti con facile accesso al contatto con la natura”.

Anche nel corso di ITB Berlin Now, gli esperti in materia di luxury travel hanno confermato che i viaggi lusso rispondono meglio all’impatto della pandemia. 

Tra i viaggiatori infatti è cresciuto enormemente il desiderio di supporto e servizi: gli ospiti desiderano trovare luoghi in cui si sentano tranquilli e curati. 

La sicurezza sanitaria è diventata più importante. 

Tutto questo indica che le destinazioni luxury potrebbero avere un futuro più certo.

// Aggiungete qui il codice di Google Analytics